L’acquisto del costume da bagno: come evitare i luoghi comuni

Non c’è cosa più delicata e difficile dell’acquisto di un costume da bagno, bikini o intero che sia: ci si aspetta che ci faccia sentire bellissime, che nasconda tutti gli eventuali difetti, anche quelli che ci sono solo nel nostro immaginario. Perchè in realtà moltissimi dei difetti che a noi sembrano macroscopici, li vediamo solo noi, ingigantiti dall’importanza che attribuiamo loro!
Un buon punto di partenza è sicuramente accettarci come siamo, ognuna con i propri difetti, anche se spesso non sono tali! Ognuno è fatto a modo suo, la perfezione si incarna in pochissime persone, e comunque è un concetto relativo. Ciò che importa, è sentirsi bene nella propria pelle, e sicuramente ci sono dei capi di abbigliamento e dei costumi nei quali ci sentiamo noi stesse, cosa che ci dà sicurezza e un atteggiamento disinvolto.
Compito di un buon venditore è trovare per ognuno esattamente quel capo che gli si addice, nel quale appunto si sente a proprio agio, che valorizza i suoi pregi e minimizza i suoi difetti.
Il luogo comune più…comune, è quello dello slip alto che nasconde qualche chilo in più: niente di più sbagliato! Più grande è lo slip, più evidenzia ciò che vogliamo nascondere! Meglio scegliere uno slip medio, possibilmente con i laccetti che possa quindi essere regolato, evitando i “rotolini”, che peraltro sempre ci sono, se uno slip è stretto, anche a 20 anni!!   (http://www.nisimoda.com/it/beachwear/372-bikini-verdefantasia-olivia.htm)  Per chi preferisce uno slip senza laccetti, meglio scegliere una misura media, nè troppo piccolo, nè troppo grande (http://www.nisimoda.com/it/beachwear/355-bikini-con-perline-valery-prestige.html);  l’effetto sarà quello di slanciare la figura. Infine, ricordiamoci: noi ci vediamo sempre molto peggio di come ci vede il resto del mondo!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *